QUI SI RIFA L’ITALIA O SI MUORE!

QUI SI RIFA L’ITALIA O SI MUORE!

Scritto il alle 09:00 da icebergfinanza

E’ proprio il caso di mettersi le mani nei capelli ed esclamare …qui si RIfa l’Italia o di muore!
Mi ero ripromesso di non parlare più di politica del nostro Paese e di concentrarmi sulle vicende economico/finanziarie in generale, ma quello che è accaduto negli ultimi giorni ha dell’incredibile.
Lasciamo perdere i voli di Stato per andare in ferie o la spacconeria di un personaggio che ha avuto il coraggio di farsi pubblico vanto al cospetto del Pontefice, della “nidiata” di Palazzo Chigi: dodici pargoli tra lui e il sottosegretario Del Rio. HuffintonPost
Inadempienza della Costituzione, che “all’articolo 31 chiede un particolare riguardo per le famiglie numerose”, ha scandito Bergoglio. “Ma questo non trova riscontro adeguato nei fatti. Resta nelle parole.”
Come più volte sottolineato per la FAMIGLIA da questo Governo NULLA,NULLA!


Ma passiamo oltre, tanto c’è qualcuno a cui la FAMIGLIA interessa?
Quello che invece è palese e sotto gli occhi di tutti e lo sporco gioco che è in corso dietro le quinte della nomina del nuovo presidente della Repubblica.
Lasciamo perdere l’assist da brivido lanciato ieri dal fantasma di Monti…
Quanto all’attuale corsa al Colle, Monti promuove Prodi e Draghi. “Romano Prodi e Mario Draghi mi pare siano due potenziali candidati di prima grandezza”, dice Monti, secondo cui “al Quirinale deve esserci una personalità nella quale gli italiani riconoscano il meglio di sé, della quale siano fieri. E che il mondo, ma soprattutto l’Europa, vedano come un interlocutore affidabile, autorevole e impegnativo” HuffingtonPost
Ma quale Europa, i mercati, per chi non lo sapesse si tratta di tre ex dipendenti della famigerata banca d’affari Goldman Sachs, un’incredibile coincidenza non c’è che dire. E’ vero a pensare male si fa peccato ma spesso ci si azzecca!
DIcevo lasciamo perdere l’assist e vediamo cosa è accaduto con la famigerata norma “salva Silvio” inserita all’ultimo minuto, una franchigia del 3 % per reati come la frode fiscale. Non è fantastico, ci manca solo che d’ora in poi facciano una franchigia per l’omicidio, se uccidi uno brutto, basso, nero o altro non ti mandiamo in carcere, non verrai punito.
La sintesi la lascio a Mario Seminerio io non francamente non avrei saputo far di meglio… I frodatori della pubblica credulità
“… La miscela di dilettantismo e avventurismo di questo premier risulterà letale a questo paese.”
In questo Paese avviene sempre tutto all’insaputa, uno si ritrova proprietario di case e vive in affitto all’insaputa, migliaia di norme “ad personam” e figlie di conflitti di interesse, finiscono all’ultimo momento in leggi e decreti all’insaputa di tutti!
La sintesi sarebbe quella di un favore a Berlusconi in cambio di un via libera per il colle, impensabile inpensabile inrealtà, una mossa politicamente suicida a meno che il nostro Machiavelli non abbia qualche carta nascosta da giocare.
Ora sino a qui nessuna novità, difficile capirci qualcosa quando la stampa più che informare si inventa le dinamiche, ma quello che sconcerta sono le ultime notizie.
Ieri escono alcune precisazioni Renzi: “Berlusconi sconterà tutto”
…”tutti i decreti delegati saranno discussi nel Consiglio dei ministri del 20 febbraio. Così il premier Matteo Renzi nella sua prima enews del 2015. L’obiettivo: “Un fisco semplice, chiaro, trasparente. Il contrario di come è costruito il sistema italiano”. Su Berlusconi: “Non facciamo norme ad personam, nè contra personam”. [wp_bannerize random=”1″ limit=”1″]
Perchè non subito, perchè aspettare dopo la nomina del presidente della Repubblica?
Un consiglio! Nel paniere di eventi attesi per gennaio dopo la riunione della BCE, il voto in Grecia, la riunione della Federal Reserve, seguite attentamente anche le vicende politiche italiane, la tempesta potrebbe essere solo all’inizio.

http://lasuposta.altervista.org/

Lascia un commento