PIRANDELLO BREVE RIASSUNTO

PIRANDELLO BREVE RIASSUNTO

PIRANDELLO BREVE RIASSUNTO


Luigi Pirandello nacque nella villa di Caos, nei pressi di Girgenti e nelle cui vicinanze Il padre Stefano gestiva le miniere di zolfo ; la madre, Caterina Ricci Grammito, apparteneva a una famiglia borghese, che si era distinta nella lotta antiborbonica e unitaria,

La formazione

Compiuti gli studi letterari a Palermo, s’iscrisse all’università di Roma. Nel 1889 si trasferì in Germania, all’università di Bonn, si laureò in filologia romanza con una tesi sul dialetto di Girgenti.

L’attività letteraria a Roma.

Deciso a dedicarsi alla letteratura ottenne dal padre un assegno mensile e nel “92 si stabilì a Roma dove conobbe Capuana: cominciò ad impegnarsi nella produzione in prosa e scrisse il suo primo romanzo, “L’esclusa”; intanto collaborava a riviste e scriveva novelle.

Il matrimonio

Nel 1894 aveva sposato a Girgenti, con matrimonio combinato fra le famiglie, la benestante Maria Antonietta Portulano: i giovani sposi si stabilirono a Roma, dove nacquero tre figli.Il primo periodo della vita familiare fu abbastanza sereno, anche se il rapporto con Antonietta fu vissuto con una distanza carica di disagio psicologico.

Sempre più fitta diventava intanto la collaborazione dello scrittore a riviste, sia con saggi, sia con novelle: in quegli anni si ebbero anche i primi tentativi di scrittura teatrale.Pirandello, nel 1897 intraprese la carriera di professore universitario , a Roma.

Le difficoltà economiche.

Nel 1903 la famiglia Pirandello subì un dissesto economico, per l’allagamento di una miniera che fece perdere tutto il capitale investito dal padre tra cui la dote stessa d’Antonietta.: la notizia causò nella donna una gravissima crisi che compromise definitivamente il suo equilibrio psichico.Venute meno le rendite familiari, Pirandello intensificò la collaborazione a giornali e riviste. Oltre a numerosissime novelle compose i romanzi “ Il fu Mattia Pascal” “ I vecchi e i giovani” “ Suo marito”

Il vero esordio teatrale

Nel 1910 furono rappresentati i suoi primi due atti unici; ma il lavoro letterario resta ancora concentrato sulla narrativa, con una ricca produzione di novelle che, dal 1911, cominciano ad apparire soprattutto sul “ Corriere della Sera”.Egli lavora anche per la nuova industria del cinema, scrivendo soggetti.Il 1919 è un anno risolutivo per il destino umano ed intellettuale di Pirandello : il 19 aprile al teatro Canzoni va in scena la sua prima commedia in tre atti :”Se non così…”Da quest’esperienza prende avvio un suo nuovo impegno nella scrittura teatrale, sia in lingua sia in dialetto, siciliano proprio negli anni della grande guerra alla quale partecipa il figlio Stefano, dove cade prigioniero per tornare solo a guerra finita.In questa situazione si aggrava la malattia mentale d’Antonietta che nel 1919 è ricoverata in una casa di cura a Roma, dove resterà fino alla morte.

Gli anni del successo.

Il 1920 è l’anno della piena affermazione del teatro pirandelliano : il fervore creativo culmina con il capolavoro “ Sei personaggi in cerca d’autore”che, dopo il fiasco della prima rappresentazione, trionfa a Milano nello stesso anno e inaugura il grande successo internazionale che, a partire dal 1922 porta Pirandello sulle scene di tutto il mondo.

Un’intensa attività

Pirandello segue personalmente le sue opere, raggiungendo tutti i centri teatrali d’Europa e d’America , arricchisce il suo repertorio di nuove commedie , impegnandosi anche in un’attività di regista . Raccoglie le novelle in volumi , sotto il titolo di “ Novelle per un anno” e i testi teatrali in “ Maschere nude”.

Fuga da se stesso-Adesione al fascismo

Nella attività frenetica che lo porta in ogni parte del mondo , Pirandello pare attuare una fuga da se stesso , dalle proprie radici e dalle proprie angosce, nel momento stesso in cui continua ad esprimerle sul piano artistico.

I suoi comportamenti pubblici sono caratterizzati da un’ambiguità di fondo , che giustifica anche la sua adesione al fascismo, giunta , nel 1924 ad una iscrizione formale al partito .

Il Teatro d’Arte

I buoni rapporti con Mussolini , del resto, gli consentono di trovare finanziamenti per un nuovo organismo teatrale , il Teatro d’Arte a Roma , inaugurato il 4 aprile 1925e diretto dallo stesso Pirandello :in questo periodo si legò sentimentalmente ed artisticamente all’attrice Marta Abba, che lasciò erede dei diritti delle sue ultime opere.

Il Nobel.

Nonostante i suoi sempre numerosi viaggi all’estero Pirandello mantenne stretti rapporti con la cultura ufficiale ; nel 1929 fu chiamato a far parte dell’Accademia d’Italia ; nel 1934 gli fu assegnato il premio Nobel per la letteratura .

Negli ultimi anni pensò al completamento della raccolta delle “ Novelle per un anno” e guardò ormai con silenzioso distacco alla retorica del regime fascista . Il suo pessimismo lo fece sempre essere inspiegabilmente“ altrove”, diverso da com’era costretto ad apparire .

Mentre seguiva negli stabilimenti di Cinecittà le riprese di un film tratto dal “ Fu Mattia Pascal” si ammalò di polmonite e morì nella sua casa romana il 10 dicembre 1939

Precedente LA VITA NEL PALEOLITICO Successivo PIRANDELLO APPUNTI SCUOLA