BARI MUSTARD GAS DISASTER 1943

DEI SEPOLCRI

 

Dei sepolcri è l’opera di Ugo Foscolo più compatta e conclusa. Si tratta di un carme composto da 295 endecasillabi sciolti. Questi versi sono stati scritti in pochi mesi tra l’estate e l’autunno del 1806 ed in seguito pubblicati nel 1807 mentre il poeta era ospite dell’amata contessa Marzia Martinengo Provaglio presso Palazzo Martinengo nel centro di Brescia. L’opera vide luce presso la “Tipografia Dipartimentale del Mella” diretta da Niccolò Bettoni. È probabile che l’idea di scrivere Dei sepolcri sia nata nel poeta a seguito di una discussione avuta nel salotto letterario di Isabella Teotochi Albrizzi con il letterato Ippolito Pindemonte, a cui è dedicato il componimento, ispirandosi a ciò che era stato prescritto nell’editto di Saint Cloud, emanato da Napoleone nel giugno 1804 ed esteso al Regno d’Italia solo nel 1806, sulla regolamentazione delle pratiche sepolcrali. L’editto stabiliva che le tombe dovevano essere poste al di fuori delle mura cittadine, in luoghi soleggiati e arieggiati, e che fossero tutte uguali. Si volevano così evitare discriminazioni tra i morti. Per i defunti illustri, invece, era una commissione di magistrati a decidere se far incidere sulla tomba un epitaffio. Questo editto aveva quindi due motivazioni alla base: una igienico-sanitaria e l’altra ideologico-politica. Foscolo non è innovativo per il tema sepolcrale trattato già dai poeti preromantici inglesi; l’innovazione sta nel fatto che l’autore mette nell’opera i principali temi della sua poetica. Vi troviamo infatti il materialismo, il significato della civiltà e della poesia, la condizione storica dell’Italia e le possibilità di riscatto d’identità individuale e sociale del poeta. Continua a leggere DEI SEPOLCRI