Nanobot impiantati all’interno del nostro corpo, potranno diagnosticare o curare malattie

Nanobot impiantati all’interno del nostro corpo, potranno diagnosticare o curare malattie

Entro cinque anni potremmo avere una miriade di nanobot all’interno del nostro corpo, che potranno diagnosticare o curare malattie con un livello di precisione senza precedenti. Ci stanno lavorando gli esperti di bioingegneria presso l’Istituto Wyss della Harvard University e della Bar Ilan University di Ramat-Gan, in Israele.



Le prime cavie su cui sono in corso gli esperimenti sono gli scarafaggi, a cui sono statiimpiantati vari tipi di nanobot a base di DNA, che sono in grado di eseguire le stesse operazioni logiche dei chip a base di silicio.  Noti anche come robot origami, funzionano mediante piegatura e dispiegamento di filamenti di DNA, e si muovono all’interno del corpo degli insetti interagendo l’uno con l’altro analogamente alle cellule dell’insetto stesso.

Il ricercatore Daniel Levner di Harvard spiega che l’elemento chiave della ricerca è che i nanobot sfruttano le proprietà di legame del DNA. Per questo motivo possono essere progettati in modo da entrare in azione e rilasciare le sostanze che contengono al loro interno solo quando vengono a contatto con molecole specifiche, come per esempio quelle di una cellula malata.

 

I nanobot impiantati negli scarafaggi sono stati etichettati con marcatori fluorescenti, che i ricercatori stanno usando per valutare come agiscono. Dai dati risulta che la precisione nella somministrazione e nel controllo dei nanobot è equivalente a quella di un sistema informatico. “Questa è la prima volta che la terapia biologica è stata in grado di eguagliare il funzionamento di un processore nel computer” ha spiegato il co-autore della ricerca Ido Bachelet dell’Istituto di Nanotecnologia e Materiali Avanzati alla Bar Ilan University.

 

Il numero di nanobot impiegati nello studio è la discriminante rispetto agli studi precedenti perché, come spiega Bachelet, “più alto è il numero di robot presenti, più complesse sono le decisioni e le azioni che si possono fare. Se si raggiunge una certa soglia di capacità, è possibile eseguire qualsiasi tipo di computazione. In questo caso, siamo andati oltre quella soglia”.

Secondo gli scienziati è possibile portare la potenza di calcolo all’interno di uno scarafaggio a un livello simile a quello di un computer a 8 bit, equivalente a quello di un Commodore 64 o di un Atari 800 degli anni ’80.

Il DNA è già stato impiegato per la memorizzazione di grandi quantità di informazioni e nella creazione di circuiti per amplificare segnali chimici, ma queste applicazioni sono rudimentali rispetto al potenziale dei robot origami. “I nanorobot a base di DNA potrebbero un giorno essere usati per diagnosticare o curare malattie con un livello di precisione senza precedenti” spiega Levner. Si parla per esempio di trattamenti contro il cancro, mirati alle specifiche cellule tumorali.

di Elena Re Garbagnati

Precedente Orzata Successivo Verso la Bancarotta: Nuovo Record Mondiale del Debito Pubblico Italiano

Lascia un commento