Malattia da virus Ebola

Malattia da virus Ebola

Fact sheet N ° 103 Aggiornato Aprile 2014

zone colpite al 9aprile2014

Fatti salienti

  • Ebola virus della malattia (EVD), precedentemente noto come febbre emorragica Ebola è una malattia grave, spesso fatale negli esseri umani.
  • Focolai EVD hanno un tasso di mortalità fino al 90%.
  • Focolai EVD si verificano soprattutto nei villaggi remoti in centrale e Africa occidentale, nei pressi di foreste pluviali tropicali.
  • Il virus si trasmette alle persone da animali selvatici e diffonde nella popolazione umana attraverso la trasmissione da uomo a uomo.
  • Volpi volanti del Pteropodidae famiglia sono considerati l’ospite naturale del virus Ebola.
  • Pazienti gravemente malati necessitano di terapia intensiva di supporto. Nessun trattamento specifico di licenza o vaccino è disponibile per l’uso in persone o animali.

    Ebola prima volta nel 1976 in due focolai simultanei, in Nzara, Sudan, e in Yambuku, Repubblica Democratica del Congo. Quest’ultimo era in un villaggio situato nei pressi del fiume Ebola, da cui la malattia prende il nome.

    Genus Ebolavirus è 1 dei 3 membri della Filoviridae famiglia (filovirus), insieme a Marburgvirus genere e genere Cuevavirus. Genus Ebolavirus comprende cinque specie distinte:

  1. Bundibugyo ebolavirus (BDBV)
  2. Zaire ebolavirus (EboV)
  3. Reston ebolavirus (RESTV)
  4. Sudan ebolavirus (SUDV)
  5. Virus Ebola Tai Foresta (TAFV).

    BDBV, EBOV, e SUDV sono stati associati con grandi epidemie EVD in Africa, mentre RESTV e TAFV non hanno. Le specie RESTV, trovati in Filippine e Repubblica popolare cinese, in grado di infettare gli esseri umani, ma nessuna malattia o di morte negli esseri umani di questa specie è stata riportata fino ad oggi.

    Trasmissione

    Ebola è introdotto nella popolazione umana attraverso lo stretto contatto con il sangue, secrezioni, organi o altri fluidi corporei di animali infetti. In Africa, l’infezione è stata documentata attraverso la movimentazione di scimpanzé infettati, gorilla, pipistrelli della frutta, scimmie, antilopi di foresta e istrici trovati malati o morti o nella foresta pluviale.

    Ebola si diffonde poi nella comunità attraverso la trasmissione da uomo a uomo, con l’infezione causata dal contatto diretto (attraverso lesioni cutanee o mucose), con il sangue, secrezioni, organi o altri fluidi corporei di persone infette, e il contatto indiretto con ambienti contaminati con tali fluidi. Cerimonie funebri in cui persone in lutto hanno un contatto diretto con il corpo del defunto possono anche svolgere un ruolo nella trasmissione di Ebola. Gli uomini che hanno guariti dalla malattia possono ancora trasmettere il virus attraverso il loro sperma per un massimo di sette settimane dopo il recupero dalla malattia.

    Operatori sanitari sono spesso stati infettati durante il trattamento di pazienti con EVD sospetta o confermata. Ciò è avvenuto attraverso lo stretto contatto con i pazienti quando non sono strettamente praticate precauzioni per il controllo dell’infezione.

    Tra i lavoratori a contatto con le scimmie o maiali infetti da Reston ebolavirus, diverse infezioni sono stati documentati in persone che erano clinicamente asintomatici. Quindi, RESTV appare meno in grado di provocare malattie negli esseri umani rispetto ad altre specie di Ebola.

    Tuttavia, l’unica prova disponibile disponibile proviene dai maschi adulti sani.Sarebbe prematuro estrapolare gli effetti sulla salute del virus a tutti i gruppi di popolazione, come le persone immuno-compromesse, le persone con condizioni mediche di base, donne incinte e bambini. Sono necessari ulteriori studi di RESTV prima di trarre conclusioni definitive possono essere tratte circa la patogenicità e virulenza del virus negli esseri umani.

    Segni e sintomi

    EVD è una malattia virale acuta grave, spesso caratterizzata dalla comparsa improvvisa di febbre, intensa debolezza, dolori muscolari, mal di testa e mal di gola.Questo è seguito da vomito, diarrea, esantema, renale ed epatica compromessa, e in alcuni casi, sia interno che esterno sanguinamento. Gli esami di laboratorio includono basso di globuli bianchi e la conta piastrinica e degli enzimi epatici.

    Le persone sono contagiosi più a lungo il loro sangue e le secrezioni contengono il virus. Virus Ebola è stato isolato dallo sperma 61 giorni dopo l’insorgenza della malattia in un uomo che è stato infettato in un laboratorio.

    Il periodo di incubazione, cioè l’intervallo di tempo da infezione con il virus di insorgenza dei sintomi, è 2 a 21 giorni.

    Diagnosi

    Altre malattie che dovrebbe essere esclusa prima di una diagnosi di EVD possono essere effettuati includono: malaria, febbre tifoide, shigellosi, il colera, la leptospirosi, la peste, rickettsiosi, febbre ricorrente, meningite, epatite e altre febbri emorragiche virali.

    Infezioni da virus Ebola possono essere diagnosticati definitivamente in un laboratorio attraverso diversi tipi di prove:

  • anticorpo-capture enzyme-linked test immunoenzimatico (ELISA)
  • test di rilevazione dell’antigene
  • serum neutralization test
  • trascrittasi inversa reazione a catena della polimerasi (RT-PCR)
  • microscopia elettronica
  • isolamento del virus da coltura cellulare.

    I campioni di pazienti sono un rischio estremo rischio biologico; sperimentazione deve essere condotta in condizioni di massimo contenimento biologico.

    Vaccino e trattamento

    Nessun vaccino autorizzato per EVD è disponibile. Diversi vaccini sono stati testati, ma nessuno è disponibile per l’uso clinico.

    Pazienti gravemente malati necessitano di terapia intensiva di supporto. I pazienti sono spesso disidratati e necessitano di reidratazione orale con soluzioni contenenti elettroliti o fluidi per via endovenosa.

    Nessun trattamento specifico è disponibile. Nuove terapie farmacologiche sono in corso di valutazione.

    Ospite naturale del virus Ebola

    In Africa, pipistrelli della frutta, in particolare le specie dei generi Hypsignathus monstrosus, Epomops franqueti e Myonycteris torquata , sono considerati possibili ospiti naturali per il virus Ebola. Come risultato, la distribuzione geografica delle Ebolaviruses può sovrapporsi con la gamma dei pipistrelli della frutta.

    Virus Ebola negli animali

    Sebbene i primati non-umani sono stati una fonte di infezione per gli esseri umani, non si pensa di essere il serbatoio, ma piuttosto un ospite accidentale come esseri umani. Dal 1994, Ebola focolai delle specie EBOV e TAFV sono stati osservati negli scimpanzé e gorilla.

    RESTV ha causato gravi epidemie EVD in macachi (Macaca fascicularis) allevati in Filippine e rilevate nelle scimmie importate negli Stati Uniti nel 1989, 1990 e 1996, e nelle scimmie importate in Italia da Filippine nel 1992.

    Dal 2008, i virus RESTV sono state riscontrate nel corso di diversi focolai di una malattia mortale nei suini della Repubblica popolare cinese e Filippine. Infezione asintomatica nei suini è stato segnalato e vaccinazioni sperimentali hanno dimostrato che RESTV non può causare la malattia nei suini.

    Prevenzione e controllo

    Controllo Reston ebolavirus negli animali domestici

    Nessun vaccino contro l’animale RESTV è disponibile. Pulizia di routine e la disinfezione di maiale o di aziende scimmia (con ipoclorito di sodio o di altri detergenti) dovrebbero essere efficaci nella inattivazione del virus.

    Se un focolaio si sospetta, i locali devono essere messi in quarantena immediatamente. Abbattimento degli animali infetti, con la stretta supervisione di sepoltura o l’incenerimento delle carcasse, può essere necessario ridurre il rischio di trasmissione da animale a uomo. Limitare o vietare la circolazione degli animali da allevamenti infetti ad altre zone può ridurre la diffusione della malattia.

    Come focolai RESTV in maiali e scimmie hanno preceduto infezioni umane, la creazione di un sistema di sorveglianza sanitaria attiva per individuare nuovi casi è essenziale per fornire allerta precoce per le autorità di sanità pubblica veterinaria e umana.

    Ridurre il rischio di infezione da Ebola nelle persone

    In assenza di un trattamento efficace e di un vaccino umano, aumentando la consapevolezza dei fattori di rischio per l’infezione da Ebola e le misure di protezione individui possono prendere è l’unico modo per ridurre l’infezione umana e la morte.

    In Africa, durante le epidemie EVD, educativi messaggi di salute pubblica per la riduzione del rischio dovrebbero concentrarsi su diversi fattori:

  • Ridurre il rischio di trasmissione della fauna selvatica a uomo dal contatto con i pipistrelli della frutta infetti o scimmie / scimmie e il consumo della loro carne cruda. Gli animali devono essere maneggiati con i guanti e altri indumenti protettivi idonei. Prodotti di origine animale (sangue e carne) devono essere ben cotti prima del consumo.
  • Ridurre il rischio di trasmissione da uomo a uomo nella comunità derivanti dal contatto diretto o ravvicinato con pazienti infetti, in particolare con i loro fluidi corporei. Chiudere il contatto fisico con i pazienti Ebola deve essere evitato.Guanti e adeguate attrezzature di protezione personale devono essere indossati quando prende cura dei malati in casa. Lavarsi regolarmente le mani è necessario, dopo aver visitato i pazienti in ospedale, così come dopo prendersi cura dei pazienti a casa.
  • Comunità colpite da Ebola devono informare la popolazione circa la natura della malattia e sulle misure di contenimento epidemia, compresa la sepoltura dei morti. Le persone che sono morti da Ebola dovrebbero essere prontamente e in modo sicuro sepolto.

    Allevamenti di suini in Africa possono svolgere un ruolo nella amplificazione di infezione a causa della presenza di pipistrelli della frutta su queste aziende. Misure di biosicurezza adeguate dovrebbero essere in atto per limitare la trasmissione. Per RESTV, educativi messaggi di salute pubblica dovrebbero concentrarsi sulla riduzione del rischio di trasmissione da suino a umano come un risultato di pericoloso allevamento e macellazione pratiche, e il consumo pericoloso di sangue fresco, latte crudo o tessuti animali. Guanti e altri indumenti protettivi adeguati dovrebbero essere indossati quando si maneggia animali malati o loro tessuti e quando la macellazione di animali. Nelle regioni in cui RESTV e ‘stato segnalato nei suini, tutti i prodotti animali (sangue, carne e latte) devono essere ben cotti prima di mangiare.

    Infezione Controllo in strutture sanitarie

    Trasmissione da uomo a uomo del virus Ebola è associato principalmente con contatto diretto o indiretto con sangue e fluidi corporei. Trasmissione di operatori sanitari è stato segnalato quando non siano state rispettate le opportune misure di controllo delle infezioni.

    Non sempre è possibile identificare i pazienti con EBV precoce perché i sintomi iniziali possono essere aspecifici. Per questo motivo, è importante che gli operatori sanitari si applicano le precauzioni standard in coerenza con tutti i pazienti – indipendentemente dalla loro diagnosi – in tutte le pratiche di lavoro in ogni momento. Questi includono l’igiene di base mani, igiene respiratoria, l’uso di dispositivi di protezione individuale (a seconda del rischio di schizzi o altro contatto con materiale infetto), le pratiche di iniezione sicure e pratiche di sepoltura sicure.

    Operatori sanitari che assistono i pazienti con virus Ebola sospetta o confermata devono applicare, in aggiunta alle precauzioni standard, altre misure di controllo delle infezioni per evitare qualsiasi esposizione al sangue e fluidi corporei del paziente e contatta protetti diretto con l’ambiente forse contaminato. Quando a stretto contatto (entro 1 metro) dei pazienti con EBV, gli operatori sanitari devono indossare protezione per il viso (una visiera o un medico di maschera e occhiali), un ambiente pulito, non sterile abito a maniche lunghe e guanti (guanti sterili per alcune procedure).

    Lavoratori di laboratorio sono a rischio. I campioni prelevati da sospetti umani ed animali casi di Ebola per la diagnosi devono essere maneggiati da personale addestrato ed elaborati in laboratori adeguatamente attrezzati.

    CHI risposta

    OMS fornisce consulenza e documentazione a supporto di indagine e controllo delle malattie.

    Raccomandazioni per il controllo delle infezioni, fornendo assistenza ai pazienti con febbre emorragica Ebola sospetta o confermata sono disponibili in: interinali raccomandazioni di controllo delle infezioni per la cura dei pazienti con febbre Filovirus (Ebola, Marburg) emorragica sospetta o confermata ., marzo 2008 Questo documento è attualmente in fase di aggiornamento .

    Che ha creato un promemoria sul precauzioni standard nella sanità (attualmente in fase di aggiornamento). Precauzioni standard hanno lo scopo di ridurre il rischio di trasmissione di agenti patogeni ematica e altri. Se applicato universalmente, le precauzioni dovrebbero aiutare a prevenire la maggior parte della trasmissione attraverso l’esposizione al sangue e fluidi corporei.

    Si consigliano precauzioni standard nella cura e nel trattamento di tutti i pazienti indipendentemente dal loro status infettiva percepito o confermata. Essi comprendono il livello di base di infezione dell’igiene controllo manuale, l’uso di dispositivi di protezione individuale per evitare il contatto diretto con sangue e fluidi corporei, la prevenzione delle punture di ago e lesioni derivanti da altri strumenti taglienti, e una serie di controlli ambientali.

    Tabella: Cronologia di precedenti virus Ebola focolai di malattia

    Anno Paese Specie Ebolavirus Casi Morti Letalità
    2012 Repubblica Democratica del Congo Bundibugyo

    57

    29

    51%

    2012 Uganda Sudan

    7

    4

    57%

    2012 Uganda Sudan

    24

    17

    71%

    2011 Uganda Sudan

    1

    1

    100%

    2008 Repubblica Democratica del Congo Zaire

    32

    14

    44%

    2007 Uganda Bundibugyo

    149

    37

    25%

    2007 Repubblica Democratica del Congo Zaire

    264

    187

    71%

    2005 Congo Zaire

    12

    10

    83%

    2004 Sudan Sudan

    17

    7

    41%

    2003 (novembre-dicembre) Congo Zaire

    35

    29

    83%

    2003 (gennaio-aprile) Congo Zaire

    143

    128

    90%

    2001-2002 Congo Zaire

    59

    44

    75%

    2001-2002 Gabon Zaire

    65

    53

    82%

    2000 Uganda Sudan

    425

    224

    53%

    1996 Sud Africa (ex-Gabon) Zaire

    1

    1

    100%

    1996 (luglio-dicembre) Gabon Zaire

    60

    45

    75%

    1996 (gennaio-aprile) Gabon Zaire

    31

    21

    68%

    1995 Repubblica Democratica del Congo Zaire

    315

    254

    81%

    1994 Costa d’Avorio Taï Foresta

    1

    0

    0%

    1994 Gabon Zaire

    52

    31

    60%

    1979 Sudan Sudan

    34

    22

    65%

    1977 Repubblica Democratica del Congo Zaire

    1

    1

    100%

    1976 Sudan Sudan

    284

    151

    53%

    1976 Repubblica Democratica del Congo Zaire

    318

    280

    88%

    Per maggiori informazioni contattare:

    CHI Media center Telefono: +41 22 791 2222 E-mail: [email protected]

Lascia un commento