I MOTI CARBONARI

I MOTI CARBONARI

I MOTI CARBONARI


I MOTI DEL 1820/21 IN ITALIA

Il movimento rivoluzionario in Italia era guidato dai Carbonari, che si erano diffusi nel Sud del paese sin dall’epoca della dominazione francese. La società dei Carbonari era un’organizzazione segreta e rigorosamente cospirativa. Negli anni della Restaurazione essa aveva costituito delle sezioni non soltanto nel Regno Napoletano, ma anche nello Stato pontificio, in Piemonte e in Toscana, a Parma, Modena e nel Lombardo-Veneto. Gli appartenenti a questa organizzazione provenivano per lo più dalla borghesia, dalla nobiltà liberale e dagli intellettuali progressisti. Il lato debole dei Carbonari era la chiusura delle loro organizzazioni, l’assenza di legami solidi con le grandi masse popolari, l’ignoranza del problema della terra.

Il profondo malcontento popolare scoppiò nel 1820, quando giunsero in Italia le notizie sulla vittoria di alcuni moti rivoluzionari borghesi in Spagna, che saranno poi repressi dalla Francia nel ’23. Nel luglio 1820 un reggimento al comando del generale Guglielmo Pepe diede il segnale della rivolta, che trionfò rapidamente in tutto il Napoletano. Re Ferdinando fu costretto a proclamare una Costituzione democratico-borghese simile a quella spagnola.

I dirigenti della rivoluzione napoletana, essendo borghesi, non capivano le necessità e le aspirazioni del popolo, soprattutto quelle dei contadini, che costituivano l’assoluta maggioranza della classe lavoratrice. Gli insorti non seppero risolvere la questione agraria, cioè sostanzialmente non ebbero il coraggio di distruggere il latifondo. Così Ferdinando I, accortosi della debolezza interna della rivoluzione, si appellò alla Santa Alleanza, e nel febbraio 1821 l’esercito austriaco di Metternich ristabilì l’ordine.

Mentre il regno Napoletano era occupato dalle truppe d’invasione, scoppia nel marzo 1821 la rivoluzione in Piemonte, anch’essa guidata da esponenti della nobiltà liberale, dalla borghesia e da ufficiali membri della Carboneria. I liberali piemontesi speravano non tanto nell’appoggio del popolo, quanto in quello di uno dei rappresentanti di Casa Savoia, Carlo Alberto, il quale infatti dichiarò di aderire alla rivoluzione e annunciò la Costituzione. In realtà egli cercava di conciliare gli interessi della sua dinastia con le speranze dei progressisti. Di qui il suo atteggiamento ambiguo e la decisione di abbandonare la rivoluzione nel momento decisivo. Nell’aprile 1821 i soldati austriaci restaurano il regime assolutistico in Piemonte.

I MOTI DEL 1831. MAZZINI E GIOBERTI

I moti rivoluzionari del 1831 furono stimolati dall’ascesa in Francia della Monarchia liberale di Luigi Filippo d’Orleàns, che giurò fedeltà alla Costituzione e che proclamò il principio del non-intervento. Ma, pur essendoci una partecipazione più attiva della borghesia, anche i moti del ’31 non riuscirono a modificare le condizioni politiche italiane. Il motivo era lo stesso dei moti del ’20-’21: l’incapacità di attirare nella lotta rivoluzionaria le masse contadine, affrontando la questione agraria. Tali moti si svilupparono soprattutto nei Ducati padani (Modena, Parma, Bologna, Reggio) e nelle Romagne (Stato della chiesa). Furono tutti duramente repressi; la vittima più illustre fu Ciro Menotti.

Il pensiero di Giuseppe Mazzini (1805-72).

Col fallimento dei moti del ’31 falliva anche la lotta rivoluzionaria di tipo settario, cospirativo, ch’era rimasta estranea ai movimenti di opinione pubblica non solo per l’inevitabile clandestinità dell’organizzazione, ma anche per la voluta segretezza dei programmi politici. Rifiutato questo metodo, Mazzini sottopose il proprio programma di rinnovamento nazionale, democratico e repubblicano, al pubblico dibattito e ne fece uno strumento di educazione popolare.

Mazzini era stato espulso dall’Italia nel 1830, dopo aver fatto parte della Carboneria. Insieme ad altri emigrati politici fondò a Marsiglia l’associazione della “Giovine Italia”, che si poneva come compito l’unificazione nazionale in una repubblica indipendente, democratico-borghese, da realizzarsi con un’insurrezione rivoluzionaria contro il dominio austriaco e il potere dispotico dei principi dei vari Stati della penisola, in forza del quale nessuna esperienza di libertà era possibile. Il programma, appoggiato dalle forze progressiste della piccola e media borghesia e dagli intellettuali democratici, rappresentava un passo avanti rispetto a quello dei carbonari, la maggior parte dei quali non andava oltre la richiesta della monarchia costituzionale.

Tuttavia Mazzini non avanzò un programma di profonde riforme sociali, la cui attuazione avrebbe potuto migliorare le condizioni dei contadini, attirandoli nel movimento di liberazione nazionale. Mazzini, in particolare, era contrario alla confisca dei latifondi e alla loro assegnazione ai contadini; proponeva Il metodo dell’insurrezione (intesa come una serie di complotti, ovvero una guerra ristretta per bande, diretta dall’estero e senza un vero coinvolgimento popolare) che doveva servire a liberare il popolo dall’assolutismo.

Fra i sostenitori iniziali del Mazzini si distinse Giuseppe Garibaldi (1807-82), il quale però, dopo essere stato condannato a morte per aver partecipato a un complotto rivoluzionario (1834), fu costretto a emigrare in America, dove fino al ’48 combatté per l’indipendenza delle repubbliche sudamericane. Invece tra gli intellettuali che si opposero al Mazzini i principali furono Carlo Cattaneo (1801-69), Carlo Pisacane (1818-57). Pisacane indicava nel possesso contadino della terra un elemento fondamentale del programma di rivoluzione. Cattaneo proponeva un ordinamento statale repubblicano di tipo federale.

Il fallimento delle prime insurrezioni, indusse Mazzini a rivedere in parte la propria ideologia. Tra il ’37 e il ’49, soggiornando in Inghilterra, maturò la condanna del sistema economico capitalistico, che escludeva i lavoratori salariati dalla proprietà e dalla gestione degli strumenti di produzione, ma si limitò ad elaborare un progetto di “riordinamento del lavoro” fondato su basi cooperativistiche, con esclusione di qualunque forma di lotta di classe. L’idea dominante del Mazzini restava quella dell’unità (mistica) di Popolo e Nazione.

Sul versante cattolico l’esponente più significativo di questo periodo è Vincenzo Gioberti, il quale scopre nella forza progressiva che muove la storia una più esplicita volontà divina, di cui interprete è la Chiesa. La storia d’Italia coincide, per lui, con la storia della Chiesa. Solo la chiesa avrebbe potuto, nel Risorgimento, saldare gli italiani in un organismo nazionale unitario (federazione di stati, non ancora uno stato unico). Il primato morale-civile degli italiani (titolo della sua opera più famosa) dipende, in ultima istanza, dalla Chiesa. Per la realizzazione di tale progetto secondo Gioberti è necessario che gli intellettuali (della borghesia medio-alta) rinuncino a separare la politica dalla religione e che la Chiesa accetti il processo democratico-borghese.

Nel Primato morale e civile degli italiani, Gioberti esalta il Medioevo e l’Impero romano, il diritto e la religione, con le quali – a suo giudizio – abbiamo “civilizzato” tutti i popoli barbari. Agli italiani, Gioberti riconosce un grande genio inventore. Il destino politico dell’Italia sarebbe quello cosmopolitico di governare il mondo: quando questo non le è stato permesso, il genio inventore si è tutto dedicato alle arti, scienze e letteratura.

Dopo la sconfitta dei moti mazziniani le idee di Gioberti (che era partito da idee mazziniane) ebbero larga fortuna fra i ceti moderati che aspiravano non alla rivoluzione ma alle riforme graduali. Le idee di Gioberti (che voleva che gli Stati italiani si unissero in una confederazione che avesse nel papa il suo capo civile e nel Piemonte la sua forza politica e militare) diedero origine alla corrente politica del Neoguelfismo.

Il Neoguelfismo trovò consensi nella scuola moderata (o riformismo liberale) di Cesare Balbo e Massimo D’Azeglio, che erano favorevoli a una graduale trasformazione, da attuarsi con l’accordo dei sovrani, dei regimi assoluti in regimi costituzionali. Inoltre si sarebbe dovuta costituire una federazione italiana, che rispettasse i maggiori Stati della penisola senza pretendere di unificarli in uno Stato unitario.

Gli oppositori del Neoguelfismo furono i neo-ghibellini (Cattaneo, Guerrazzi, Niccolini), i quali sostenevano che proprio il papato costituiva l’ostacolo principale alla realizzazione dell’unità.

Perché i moti mazziniani fallirono tutti?

i liberali non erano riusciti ad attirare nella lotta di liberazione nazionale le masse contadine (cioè la stragrande maggioranza dei lavoratori) e avevano ignorato la questione agraria (il superamento del latifondo, ovvero la ridistribuzione ai contadini delle grandi proprietà terriere); Mazzini fu certamente appoggiato dalla piccola e media borghesia, ivi inclusi gli intellettuali progressisti che volevano l’unificazione nazionale e la repubblica (e che sicuramente erano avversi al potere temporale della chiesa), ma non ebbe l’appoggio né degli operai né, tanto meno, dei contadini;

la “Giovine Italia” fu fondata da questi liberali emigrati a Marsiglia nel 1831, dopo il fallimento dei moti nei ducati di Parma, Modena e nelle Legazioni Pontificie della Romagna; appariva, quindi ancora una volta, come una scelta elitaria, borghese, per di più extranazionale;

l’idea di Stato centralista che aveva Mazzini non era largamente condivisa e inoltre l’obiettivo di volere subito uno Stato democratico-repubblicano in una penisola divisa in tanti piccoli stati monarchici, appariva irrealizzabile, perché prevedeva oltre all’unificazione nazionale anche un radicale cambiamento della forma di governo.

la tattica di realizzare complotti e moti insurrezionali ristretti, diretti dall’estero, senza un vero legame con le masse, nella vana speranza che queste insorgessero da sole, si rivelò del tutto sbagliata.

Precedente I MOTI RIVOLUZIONARI RIASSUNTO BREVE Successivo ERODOTO

Lascia un commento