GLI DEI DELL’EGITTO

GLI DEI DELL’EGITTO

GLI DEI DELL’EGITTO

Qui di seguito sono riportati i principali dei dell’Egitto:

Osiride

Una delle grandi divinità egizie, era adorato come dio della vegetazione e dell’agricoltura. Il suo centro di culto più importante era Abido. Rappresentato in forme umane, con il volto dipinto di verde, colore della rigenerazione, lo stretto mantello che ne fascia il corpo e gli dà l’aspetto di una mummia. Lo accompagnano i tipici attributi regali scettro, flagello, pastorale e corona bianca dell’Alto Egitto affiancata da piume. Talvolta le sue carni sono raffigurate in coloro nero, spesso il dio è situato all’interno di un naos o di una cappella. Si credeva che in origine fosse stato un re umano, colui che aveva portato la civiltà in Egitto. Fu ucciso da suo fratello Seth, il suo corpo venne smembrato e disperso in tutto il paese; dopo la sua morte, lside concepì da Osiride un figlio cui fu dato il nome di Horus, il piccolo. Ella raccolse le membra disperse del marito e Horus, quando fu grande, combatté e sconfisse Seth, vendicando la morte del padre. Finalmente fu radunato il consiglio degli dei per decidere chi fosse il vincitore della disputa. Essi diedero ragione a Horus e Osiride fu fatto risorgere, diventando re dei morti e giudice degli inferi. Il faraone defunto fu con lui identificato. Il mito è raccontato nelle opere di Plutarco. Il culto di Osiride dava alla gente la speranza di continuare la vita dopo la morte.

Anubi

Era il dio che aveva imbalsamato Osiríde e presiedeva alla mummificazione. Patrono degli imbalsamatorì e “signore delle necropoli”. Nell’oltretomba presiedeva alle cerimonie funebri, custodendo il defunto e assicurandogli vitto e buona sepoltura. Il centro del suo culto era a Cinopoli, ma veniva largamente venerato anche altrove. Il suo nome è traducibile in “sciacallo”; era infatti rappresentato sotto forma di sciacallo o di cane nero, spesso accovacciato su un modello di cappella funeraria o su un naos, con una fascia rossa attorno al collo e un flagello tra le zampe posteriori. Talvolta era rappresentato anche in forma umana con testa di cane, croce ankh in una mano e scettro nell’altra. Nel culto di Osiride, divenne il fratello di quest’ultimo, secondo altre versioni del mito, aiutò a seppellirne il corpo.

Sobek

Dio dalla testa di coccodrillo, venerato particolarmente a Crocodilopoli e a Kom Ombo. Dio dell’acqua associato alla fertilità, ebbe molta importanza durante la XII dinastia. Era rappresentato come coccodrillo o come uomo con testa di coccodrillo.

Khnum

Antichissimo dio egizio raffigurato con corpo umano e testa di ariete oppure come ariete, venerato soprattutto a Esna e a Elefantina. Creatore degli uomini e delle varie forme di vita, si riteneva che avesse forgiato il genere umano sulla sua ruota da vasaio. Era anche guardiano delle sorgenti del Nilo e presiedeva alle inondazioni. E’ raffigurato mentre esegue ritratti del sovrano durante l’incoronazione.

Seth

Fratello di Osiride, fu considerato come la personificazione del male nell’antico Egitto e fu rappresentato come un animale non identificato simile al cinghiale, oppure come uomo con testa di animale. Rappresentava le terre di confine, il deserto e gli stranieri. Seth fu venerato soprattutto quando gli hyksos conquistarono l’Egitto. Nella mitologia è sconfitto da Horus, il quale vendica così la morte di suo padre Osíride.

Ptah

Divinità egizia della città di Menfí, dove era considerato creatore del cosmo, oltre che patrono degli artisti e dio dinastico. Avvolto in vesti aderenti, tali da dargli aspetto crisaliforme, spesso con carni di colore verde, impugna nelle mani giunte sul petto lo scettro sul quale sono sovrapposti una croce ankh e un pilastro ged; la testa è rasa o coperta dalla calotta, e la barba posticcia. Generalmente in piedi, ma anche seduto, spesso è raffigurato all’interno di un naos che presenta una finestra dalla quale si scorge il suo busto. Ptah, che fu il marito di Sekhmet e il padre di Nefertum, divenne il protettore degli artigiani. Fu anche una delle divinità primitive dell’Egitto e successivamente venne associato a Osiride.

Amon

In origine era il dio locale delle tribù della zona di Tebe. Quando poi i principi di Tebe si impadronirono del trono d’Egitto divenne la suprema divinità dei pantheon, assimilandosi al dio Ra sotto il nome di Amon-Ra. Il più grande tempio di Amon era quello di Karnak. I suoi sacerdoti rivaleggiarono in potenza con il faraone. A lui erano consacrati l’oca (secondo il mito il sole nascerebbe da un uovo primordiale) e l’ariete dalle corna ricurve. Venne raffigurato in forme umane, come sovrano, con due alte piume sul capo, e talvolta con testa d’ariete.

Thot

Dio egizio di carattere lunare, era ritenuto a Hermopolis la divinità suprema; aveva corpo umano e testa di ibis, talvolta di scimmia, e luna falcata sul capo. Venerato come dio della parola creatrice, della scrittura e del calcolo e considerato scriba degli dei e misuratore del tempo, era come tale patrono degli scribi, e inoltre nell’aldilà era addetto alla psicostasia. Svolgeva un ruolo importante come impiegato della corte alla cerimonia del peso del cuore nel giorno del giudizio. Aveva l’incarico della scrittura, della lettura, della matematica e di tutte le occupazioni con riferimento alla cultura e alla professione di scriba. Attraverso la conoscenza dei geroglifici, aveva anche il controllo della magia e dei maghi.

Rha

Come dice il nome stesso, dio egizio del sole che a Eliopoli ebbe il suo maggiore centro di culto. Fu ritenuto dio creatore dell’universo, dio dello stato e della giustizia; si riteneva che percorresse il cielo sulla “barca dei milioni di anni” durante il giorno. Veniva raffigurato come uomo con testa di falco e disco solare con ureo sulla testa, in seguito ai processi di assimilazione all’altra divinità solare Horus.

Iside

Una delle maggiori divinità egizie. Protettrice del benessere, delle nascite, dei naviganti e dello stato. Ebbe un ruolo fondamentale nel mito di Osiride, lo sposo ucciso e smembrato dal fratello Seth, del quale cercò e ricompose le spoglie ridandogli vita e concependo il figlio Horus. Compare talvolta come sparviero o in forme femminili, con il disco solare tra due corna bovine ( in quanto assimilata a Hator ), o con il suo geroglifico ( un seggio ) sulla testa e il nodo iliaco sull’abito. Come moglie di Osiride, Iside divenne simbolo della compagna e della madre ideale. Essa diventò una tipica figura di dea madre. Sebbene fino all’arrivo dei Romani Iside non avesse propri riti, né propri templi, il culto continuò e si diffuse fuori dell’Egitto dopo il declino della civiltà egizia. Nella mitologia essa era sorella di Neftis e del suo stesso marito Osiride. Suo figlio era Horus, il piccolo che generalmente veniva raffigurato seduto sulle sue ginocchia.

Precedente ULIVO STORIA Successivo PONTECORVO FOTO STORICHE 1943

Lascia un commento