Dinosauro con la testa di pollo

               Dinosauro con la testa di pollo

 dinosauro con la testa di pollo

“Chicken from hell”, letteralmente un pollo infernale: è questo il soprannome dato dagli scienziati della University of Utah a un nuovo esemplare di dinosauro, descritto in uno studio pubblicato su Plos One. Si tratta di una creatura dotata di becco e probabilmente anche di piume, ma fornita di artigli affilati: vissuta 66 milioni di anni fa, il suo peso si aggirava intorno ai 250 kg e poteva raggiungere i 3 metri di altezza. “Era come un velociraptor gigante, ma con una testa simile a quella di un pollo e probabilmente dotato anche di piume”, ha spiegato Emma Schachner, co-autrice dello studio, “La creatura era alta quasi 3 metri, quindi sarebbe spaventoso, e assurdo, incontrarne una”. Il nome ufficiale del dinosauro è Anzuwylei e la scoperta è stata effettuata grazie al ritrovamento di tre scheletri preservati quasi interamente, che hanno permesso agli scienziati di studiare l’anatomia e le relazioni evolutive con un recondito gruppo di dinosauri, i Caenagnathidae, rimasto avvolto nel mistero per quasi un secolo. Gli scheletri sono stati rinvenuti in Nord e Sud Dakota nelle rocce della Hell Creek Formation, già nota per aver fornito un gran numero di fossili di dinosauri, come il Tirannosauro Rex e il Triceratopo. “Anzu è il caegnathidae più completo mai scoperto finora”, ha commentato Matthew Lamanna, autore principale dello studio, “dopo quasi un secolo di ricerche, finalmente i paleontologi hanno i fossili necessari per mostrare che aspetto avessero queste creature, dalla testa ai piedi. E sono decisamente più strane di quanto ci immaginassimo”. I fossili di A. wyliei forniscono anche importanti informazioni riguardo ai collegamenti tra la specie dei Caegnathidae e un’altra vasta famiglia di dinosauri, gli oviraptoridi asiatici.

Riferimenti: A New Large-Bodied Oviraptorosaurian Theropod Dinosaur from the Latest Cretaceous of Western North America; Plos Onedoi: 10.1371/journal.pone.0092022

[wp_bannerize random=”1″ limit=”1″]

http://lasuposta.altervista.org/

Lascia un commento