deforestazione mondiale

deforestazione mondiale

By Edoardo Capuano – Posted on 09 maggio 2015

Clicca per ingrandire

Sono undici are in tutto il mondo quelle in cui si concentra l’ottanta per cento della deforestazione. Dieci di queste si trovano ai tropici.

Le aree a rischio sono l’Amazzonia, la foresta atlantica, Gran Chaco, le foreste del Borneo, il Cerrado, il Choco-Darien, il bacino del Congo, le boscaglie dell’Africa Orientale, l’Australia orientale, il Grande Mekong, la Nuova Guinea e Sumatra. Questi ecosistemi sono tra i più ricchi al mondo di fauna selvatica, e ospitano le specie in via di estinzione, come oranghi e tigri.

Tutte queste aree sono essenziali per le popolazioni indigene che le abitano.

Fino a 170 milioni di ettari di foresta rischiano di essere perduti tra il 2010 e il 2030 lungo la linea del “fronte della deforestazione”, se non verranno adottate misure per invertire il trend.

E’ quanto emerge dalla ricerca del WWF. “Immaginate un bosco che si estende in tutta la Germania, la Francia, la Spagna e il Portogallo spazzato via nel giro di 20 anni”, dice Rod Taylor, del WWF. “Dobbiamo scongiurare questo rischio e salvare le comunità e le culture che dipendono dalle foreste, e assicurare che le foreste continuino ad immagazzinare carbonio, filtrare la nostra acqua, il legno di fornitura e di fornire l’habitat per milioni di specie”.

Tra i principali fattori di deforestazione, l’espansione delle grandi piantagioni, degli allevamenti, la produzione di olio di palma, e l’espansione della piccola agricoltura.

Mentre il prelievo di legname contribuisce al degrado delle foreste, l’industria mineraria, i progetti idroelettrici e la costruzione di infrastrutture aprono la strada all’insediamento in foreste fino ad ora incontaminate, condannabile per sempre alla distruzione.

“Il processo di deforestazione va ben oltre gli impatti di un singolo attore, o di un solo settore industriale, e travalica i confini nazionali, per questo richiedono soluzioni che guardano l’intero paesaggio”, aggiunge Taylor. “Questo significa una collaborazione territoriale e un processo decisionale che tenga armonizzi delle esigenze dell’economia, delle comunità locali e la natura”.

Precedente vasi attici ed etruschi Successivo sumeri usi e costumi

Lascia un commento