CANTO DICIOTTESIMO LA FABBRICAZIONE DELLE ARMI

CANTO DICIOTTESIMO LA FABBRICAZIONE DELLE ARMI

CANTO DICIOTTESIMO LA FABBRICAZIONE DELLE ARMI

Achille, non sapendo della morte di Patroclo, si aggira inquieto davanti alla tenda quando giunge Antiloco e lo informa sui fatti: Patroclo giace e si combatte per il suo cadavere. La disperazione di Achille giunge alle orecchie di Teti che corre a rincuorare il figlio: vedendo che egli è irremovibile nel suo intento di vendetta, a costo di pagarlo con la morte, annunciata dalla profezia, si reca da Efesto per farsi forgiare armi divine. Iride esorta Achille a farsi vedere sulle mura greche per spaventare i Troiani e agevolare il trasporto della salma di Patroclo da parte dei compagni. Teti è frattanto giunta alla dimora di Efesto: il dio si mette subito al lavoro e forgia armi bellissime, tra le quali uno scudo d’oro intarsiato con figure rappresentanti le varie attività umane.

Precedente CANTO DICIANNOVESIMO L'INTERRUZIONE DELL'IRA Successivo CANTO DICIASSETTESIMO LE GESTA DI MENELAO

Lascia un commento