APPUNTI IMMANUEL KANT

APPUNTI IMMANUEL KANT

APPUNTI IMMANUEL KANT


Quella di Kant è stata una vita priva di avvenimenti di rilievo, senza intrecci
politici e senza condanne religiose. Non ha inoltre mai intrattenuto rapporti
tormentati con altri filosofi, né con le reggenze reali (se si esclude una reazione
censoria delle sfere reali in occasione della pubblicazione del testo Religione nei
limiti della ragione nel 1795). Si può sostenere che la vita di questo filosofo sia
stata votata esclusivamente allo studio e alla riflessione filosofica.
Immanuel Kant nasce a Königsberg, in Prussia, nel 1724 in una modesta famiglia di
origini scozzesi. La sua prima educazione nel Collegium Federicianum di
Königsberg è improntata allo stesso spirito di pietismo della sua famiglia. Uscito
dal collegio si iscrive all’Università Albertina della sua città, dove studia filosofia,
teologia, matematica e fisica. In questo periodo si avvicina alle formulazioni
scientifiche newtoniane.
Finiti gli studi universitari si guadagna da vivere come precettore presso alcune
famiglie nobili fino a quando, nel 1755, diventa libero docente nell’università in
cui aveva concluso i suoi studi. Insegna diverse materie e tiene numerosi corsi di
vario genere. Nel 1766 è sottobibliotecario del re e nel 1770, grazie alla
dissertazione De mundi sensibilis atque intelligibilis forma et principiis, diventa
professore ordinario dell’università e gli vengono affidati gli insegnamenti di logica
e di matematica.
Nel 1804, dopo aver vissuto una vecchiaia di debolezza, Immanuel Kant muore
nella sua città natale, Konigsberg. Si dice che appena prima di morire abbia
pronunciato le parole Es ist gut, ossia “va bene”.
Tra le sue innumerevoli opere, oltre alle due già citate, si ricordano: Critica della
ragion pura (1781); Critica della ragion pratica (1787); Critica del giudizio (1790);
Prolegomeni a ogni futura metafisica che voglia presentarsi come scienza (1793);
Metafisica dei costumi (1797).

caratteri generali della filosofia kantiana

Il pensiero di Kant segna una svolta epocale nella storia della filosofia moderna
ponendosi come apripista iper tutte le correnti che iverranno dopo. Per certi
aspetti il pensiero di Kant può essere inserito all’interno della scia illuminista ,
pur conservando numerose peculiarità che difficilmente lo rendono
categorizzabile.
Alla base della speculazione del filosofo di Kònigsberg sta una ferrea opposizione
ai sistemi di Wolf e di Leibniz, in nome della necessità di demolire qualsiasi
impianto metafisico e dogmatico a partire da una critica della ragione che tenga
in considerazione soprattutto dei limiti di quest’ultima.
I riferimenti allo spirito scientifico newtoniano, all’esperienza dell’empirismo
inglese e l’eredità dell’Illuminismo fanno della filosofia kantiana il crocevia
attraverso cui passerà per diversi decenni la riflessione filosofica, soprattutto quella tedesca. Autori come Hegel, Schelling e Fichte (e con essi l’idealismo in
generale) non potranno esimersi dall’inaugurare un confronto sistematico con la
filosofia di Immanuel Kant.

Generalmente si distinguono tre fasi della produzione kantiana:

  1. (1747 – 1770) un periodo in cui è forte l’eredità dello spirito scientifico
    newtoniano e l’interesse è puntato verso le scienze della natura;
  2. (1770 – 1790)un periodo in cui prevale la necessità di un sistema filosofico,
    e che conduce alla formazione concreta del cosiddetto criticismo. Il
    criticismo si sviluppa come una tendenza filosofica in radicale opposizione
    al dogmatismo, e vuole mettere in discussione le certezze relative alle
    esperienze umane, col fine di chiarirne la possibilità (ossia le condizioni che
    ne consentono l’esistenza), la validità e i limiti di tale validità. In questo
    senso la filosofia di Kant va considerata come un’indagine speculativa tesa
    a stabilire i limiti oltre i quali la conoscenza umana non può andare;
  3. (1790 – 1803)un periodo in cui la speculazione di Kant si caratterizza
    diventando riflessione trascendentale.

Il primo periodo fa da prologo ad una produzione scientifica che soprattutto nella
seconda e nella terza fase apporterà innumerevoli elementi alla riflessione
filosofica occidentale.

Il significato del termine trascendentale.
Trascendentale non deve essere confuso con trascendente, che vale a designare
le realtà metafisiche distinte da quelle terrene. Trascendentale è invece un
termine di natura strettamente filosofica che definisce tutti quegli elementi che
preesistono all’esperienza conoscitiva umana e ad ogni attività in generale, e
che esistono solo in e per l’intelletto.
In Kant trascendentale è dunque sinonimo di a-priori o puro. Kant recupera
questo concetto dalla Scolastica medievale che indicava con esso tutto ciò che è
massimamente universale. Oltre Kant altri filosofi hanno utilizzato il termine
trascendentale, seppur con accezioni differenti, in specie gli idealisti Fichte,
Schelling e, nel Novecento, il fenomenologo E. Husserl.

La produzione filosofica di Kant si sviluppa con il massimo della sua forza nelle tre
famosissime opere del periodo critico. In questi testi Kant prende in esame
sistematicamente tre diversi aspetti dell’esistenza umana, determinati dalla
centralità delle tre facoltà essenziali che appunto caratterizzano l’esistenza
dell’uomo e che, come tali, devono essere al centro della riflessione filosofica:

  1. nella Critica della ragion pura viene presa in considerazione la conoscenza in
    quanto funzione della facoltà dell’intelletto;
  2. nella Critica della ragion pratica viene presa in considerazione la riflessione
    morale; in quanto funzione della facoltà del desiderio e del volere;
  3. nella Critica del giudizio viene preso in considerazione il senso estetico ed i
    suoi relativi giudizi in quanto funzione della facoltà del sentimento

Critica della ragion pura: i giudizi e la conoscenzaù

Il testo Critica della ragion pura, pubblicato nella prima edizione nel 1781, è la
prima delle tre grandi opere del sistema kantiano. In essa il filosofo vuole mettere
al vaglio della ragione la possibilità delle scienze matematiche e fisiche, come
pure la possibilità o meno della fondazione scientifica della metafisica. Sono
quattro le questioni che fanno da incipit alla Critica della ragion pura:

> Cosa rende possibile la matematica pura?
> Cosa rende possibile la fisica pura?
> In che modo la metafisica deve essere intesa come una disposizione naturale?
> La metafisica può essere una scienza?

Racchiusa in queste quattro questioni sta tutta la tensione del criticismo kantiano,
che non solo mette in discussione i criteri di validità della metafisica classica
dogmatica, ma anche quelli delle scienze.

Il concetto da cui parte la riflessione della critica della ragion pura è di diretta
discendenza empirista, riguarda cioè l’esperienza. Considerando che ogni
conoscenza origina da un’esperienza, bisogna indagare fin dove e come
l’esperienza determina le possibilità della conoscenza di cui noi possiamo essere
capaci.

L’interpretazione che la filosofia ha dato dell’esperienza in passato, sostiene
Kant, si è basata sempre su un assunto in particolare, per il quale se è vero che
l’esperienza è il fondamento della conoscenza, vi è comunque un sostrato di leggi
immutabili che in un certo qual modo si rende indipendente dall’uomo e dai limiti
della sua esperienza. In alternativa a questa convinzione si è proposta l’idea che
tutto potesse scaturire dall’esperienza. Così facendo le scienze hanno ragionato
alternativamente secondo due tipi di giudizi:

  • > giudizi analitici a priori (propri dei razionalisti) che si basano sul principio di
    non contraddizione e che esprimono già nel soggetto il predicato. Un esempio di
    giudizio analitico a priori è: i corpi sono estesi.
    Tale giudizio, pur essendo universale, non ci dice nulla di nuovo sui corpi e sulle
    loro proprietà visto che l’estensione di per sé è già una caratteristica che
    appartiene al concetto di corpo. Per tali giudizi non c’è bisogno di convalida
    empirica; la loro validità è tutta fondata sulla ragione;
  • > giudizi sintetici a posteriori (propri degli empiristi) che si basano sull’esperienza
    (essendo a posteriori). Tali giudizi legano un predicato ad un soggetto da definire
    basandosi sull’esperienza: un esempio è “i corpi sono pesanti”. Questo tipo di
    definizione ci dice cose nuove del soggetto, ma, derivando dall’esperienza non
    può aspirare all’universalità (nel caso dell’esempio citato il concetto di pesante
    non può essere applicato a tutti i corpi in generale).

A questi due tipi di giudizi Kant ne affianca un terzo tipo che sintetizza i due
aspetti (razionalismo ed empirismo) che caratterizzano i primi due tipi di giudizio.

Si tratta dei giudizi sintetici a priori. Tali giudizi sono a priori, quindi non
derivano dall’esperienza, e determinano alcune caratteristiche generali dei
soggetti particolari, motivo per cui sono universalizzabili; contemporaneamente,
però, aggiungono nel predicato qualcosa di nuovo che non era contenuto nel
soggetto. Un giudizio di questo tipo è: tutto quello che accade ha una causa.
Il terzo tipo di giudizio, quello sintetico a priori, è per Kant quello più fecondo in
quanto riesce a tenere insieme la caratteristica di immutabilità con quella di
universalità dicendo cose nuove del soggetto. Secondo Kant, essi rappresentano
l’impalcatura su cui si regge tutto il pensiero scientifico poiché accrescono il
sapere, ma non necessitano di essere riconfermati ogni volta dall’esperienza,
perché universali e necessari (in questo Kant si discosta da Hume per il quale ogni
conoscenza deve sempre avere una conferma nell’esperienza). Il problema che comunque i
giudizi sintetici a priori comportano riguarda la loro origine: se essi non derivano
dall’esperienza, qual’è la loro origine?
Secondo Kant tali giudizi derivano da una sintesi di materia (il dato empirico che
proviene dall’esperienza) e forma (l’insieme delle modalità fisse e innate
attraverso cui la mente umana regola l’acquisizione dell’esperienza ordinando i
dati provenienti da essa). Con questo assunto teorico Kant ha per primo fondato
la filosofia trascendentale.
In sostanza Kant, con questa distinzione, sottolinea che la realtà conosciuta
dall’essere umano è modellata secondo le forme attraverso cui viene percepita
dall’uomo. Ovvero è l’uomo che vede in un certo modo la realtà, in base al suo a
priori, e non può vederla diversamente. Esistono cioè alcune forme a priori
universali che guidano la conoscenza, e dunque modellano, per l’uomo, la realtà
stessa che si adegua così al soggetto conoscente. In questo senso Kant distingue
tra:

  • fenomeno: la realtà che appare all’uomo filtrata attraverso le sue forme
    conoscitive a priori;
  • cosa in sé (noumeno): la realtà come è al di là di queste forme a priori,
    indipendentemente dall’uomo (e che risulta per questo inconoscibile all’essere
    umano).

La Critica della ragion pura è una gigantesca indagine sulla conoscenza. Secondo
Kant, la conoscenza scaturisce da tre facoltà:

la sensibilità, ossia l’intuizione sensibile degli oggetti;
• l’intelletto che procede alla categorizzazione dei dati sensibili e determina i
giudizi conoscitivi;
• la ragione che è quella facoltà che cerca di spiegare la realtà, oltrepassando i
limiti dell’esperienza sensibile, attraverso le idee dell’anima, del mondo e di Dio

La struttura della Critica della ragion pura rispecchia la tripartizione del processo
conoscitivo. L’opera infatti è suddivisa in due grossi blocchi:

> la dottrina degli elementi;
> la dottrina del metodo.
La prima si occupa di indagare sugli elementi formali a priori della conoscenza, le
strutture trascendentali dell’esperienza; la seconda indaga sulle modalità
applicative della conoscenza (il metodo).

La ripartizione essenziale è tuttavia quella della Dottrina degli elementi, che si
articola in:
> estetica trascendentale e
>logica trascendentale.
Quest’ultima si suddivide a sua volta in:
> analitica trascendentale;
> dialettica trascendentale.

L’ESTETICA TRASCENDENTALE

Nell’estetica trascendentale il discorso di Kant comincia con la considerazione di spazio e di tempo come di forme che precedono l’esperienza, forme a priori della sensibilità attraverso cui sono riordinate le informazioni empiriche. Spazio e tempo sono dunque intuizioni pure, proprio perché non provenienti
dall’esperienza, e riguardano rispettivamente la conoscenza intuitiva della
disposizione delle cose esterne nei loro rapporiti di vicinanza e lontananza, e della
successione delle percezioni nel tempo. Per questo motivo spazio e tempo pur
essendo pre—esperenziali offrono solamente una conoscenza dei fenomeni, e non
dei rapporti razionali oggettivi degli elementi naturali.
Inoltre spazio e tempo, oltre a non derivare dall’esperienza non sono entità a sé stanti, “oggetti” naturali. Sono forme pure e trascendentali della sensibilità
umana, ed hanno un ruolo immensamente importante nella strutturazione della
conoscenza. Su di essi si fonda, peraltro, la matematica.

L’analitica trascendentale

Nell’analitica trascendentale Kant analizza l’origine, l’estensione e la validità
oggettiva delle conoscenze che appartengono all’intelletto. In questa sezione
dell’opera il filosofo studia quelle che sono le forme a priori dell’intelletto,
definite categorie, intese come concetti puri, ossia come quelle funzioni
intellettive che sintetizzano e unificano i dati sensibili, già strutturati dalle forme
a priori della sensibilità (spazio e tempo). Queste categorie servono all’intelletto
umano per regolare le possibilità del giudizio. In considerazione di ciò Kant
costruisce la cosiddetta tavola delle categorie, in cui sono riassunte e
sistematizzate tutte le possibilità del giudizio in base alle quattro categorie di
giudizi individuate dalla logica tradizionale:
> qualità;
> quantità;
> relazione;
> modalità.
Se le categorie servono alla formulazione dei giudizi, senza di esse, sostiene Kant,
non vi è nessuna possibilità d’esperienza scientifica della natura.

Precedente ANALISI BUCOLICHE DI VIRGILIO Successivo BREVE RIASSUNTO SALVATORE QUASIMOSO